Giancarlo Mancori

Giancarlo Marcori 

La mia storia, leggila quì

Biografia

Giancarlo Mancori nasce a Roma nel 1937. E’ fotografo di professione fin dagli anni adolescenziali e nel corso della sua lunga attività si dedica a molti settori della fotografia: passa dalle riprese di architettura a quelle pubblicitarie, dalla fotografia scientifica – è stato a lungo collaboratore dei centri ricerca di fisica, di Astrofisica e Astronomia,e dell’ESA di Frascati (Roma) – alla fotografia per il comparto industriale, sino alle riprese aeree.

Il suo lavoro lo ha portato a viaggiare molto e a conoscere La Terra, questo, infatti, il titolo della sua prima mostra, del 1976. Mancori non ha mai smesso di guardare la terra e la natura, tanto da dedicarsi negli ultimi decenni interamente alla fotografia naturalistica, con particolare attenzione al mondo animale che ritrae con passione, con la consapevolezza di poter sostenere la tutela delle specie animali e del loro ecosistema.

Collabora attivamente da molti anni con il WWF e con la LIPU.

Sono molteplici i suoi contributi per esposizioni e progetti culturali: nel 1978 realizza, con Fulco Pratesi, una campagna di fotografie naturalistiche nel comprensorio di Barbarano Romano (Viterbo), che confluiranno in un volume e in una mostra itinerante; nel 2006 è la volta della mostra Paesaggio in Movimento (Abbazia di san Nilo di Grottaferrata – Roma); nel 2011 espone centocinquanta immagini di animali selvatici – Giancarlo Mancori. Il sogno della natura – nei reparti del Policlinico romano di Tor Vergata, per degli studi sugli effetti terapeutici sui pazienti; dal 2012 quattrocento metri quadri di suoi scatti, con stormi di gru migranti, divengono mostra permanente per l’arredo dell’ingresso del Museo Zoologico di Roma.

La continua empatica attenzione fotografica, e non solo, riservata alla fauna e alla flora del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, lo porta a proporre al presidente del PNALM una grande  mostra itinerante e un volume per portare le meraviglie di questo parco in Italia e in Europa. L’inaugurazione della prima mostra è avvenuta il 30 gennaio presso le scuderie Aldobrandini in Frascati con la presenza del presidente Antonio Carrara, del presidente onorario del WWF Fulco Pratesi e di Massimo Marcheggiani alpinista conquistatore di molte cime della catena dell’Himalaya, che ha dedicato una delle ‘sue’ cime alla città di Frascati. Subito dopo andrà a Strasburgo, poi a Roma.